Chi siamo
Vai alla Home Page
Repertorio con tante informazioni sui brani, testi, audio e video!
Photo Album
Libro degli Ospiti
Contatti
Links

Luigi Ferdinando Bottazzi
"O maestro (de violao)"

Io nacqui alla metà del Novecento
nel capoluogo della Lombardia
e subito mi accorsi, con sgomento,

di essere votato alla poesia.
Bambino malinconico e scontento
provavo grande gioia, tuttavia,

a fare con la nonna dei duetti:
le top ten della radio di quei tempi
noi cantavam cuocendo gli spaghetti.

Più tardi mi rivolsi ad altri esempi:
i Beatles furon mentori perfetti.
Con la chitarra presi a fare scempi

di alcune centinaia di canzoni,
finchè, pentito, chiesi ad Abner Rossi
di darmi una manciata di lezioni.

I sacrifici furon grandi e grossi
(le ore di teoria, che due maroni!)
però, alla fine, fummo assai commossi

il mio maestro ed io, giunti al saluto.
Diressi la mia prua verso Bologna,
dove, tra una facezia ed un motto arguto,

vinsi la mia congenita vergogna.
Diverse formazioni ho conosciuto
(la vita non è mai come si sogna):

dapprima un bel quartetto filuzziano
e via! Mazurca, valzer, polca e tango,
che fan venire i crampi nella mano;

poi coppia jazz, con musica di rango
ed improvvisazioni a tutto spiano;
più avanti, e questo un poco lo rimpiango,

con viola, violoncello e due violini,
concerto su al castello di Rossena:
‘Quintetto in Re minor’ di Boccherini;

gli Spirituals Ensemble entrano in scena
circa nel novantuno e altri destini
s’intrecciano in un fiume ancora in piena.

Adesso siamo in sette componenti,
stregati dall’America latina,
con l’armonia che guida i nostri intenti.

La storia mia, lo ammetto, è un po’ meschina,
perfino i versi, sono un po’ scadenti,
ma… seguono l’andar della ‘Divina…’