Chi Siamo
Vai alla Home Page
Repertorio
Photo Album
Libro degli Ospiti
Contatti
Links

Partido Alto
Chico Buarque, 1972

(Diz que deu, diz que Deus, )
diz que Deus dará, não vou duvidar, ô nega
E se Deus não dá, como é que vai ficar, ô nega?
Diz que deu, diz que dá, e se Deus negar, ô nega
(Eu vou me indignar e chega, Deus dará, Deus dará)

Deus é um cara gozador, adora brincadeira
Pois prá me jogar no mundo, tinha o mundo inteiro
Mas achou muito engraçado me botar cabreiro
Na barriga da miséria nasci brasileiro
Eu sou do Rio de Janeiro

Rit.

Jesus Cristo ainda me paga, um dia ainda me explica
Como é que pôs no mundo essa pouca titica
Vou correr o mundo afora, dar uma canjica
Que prá ver se alguém me embala ao ronco da cuíca
E aquele abraço prá quem fica

Rit.

Deus me fez um cara fraco, desdentado e feio
Pele e osso simplesmente, quase sem recheio
Mas se alguém me desafia e bota a mãe no meio
Dou pernada a três por quatro e nem me despenteio
Que eu já tô de saco cheio

Rit.

Deus me deu mão de veludo prá fazer carícia
Deus me deu muita saudade e muita preguiça
Deus me deu perna cumprida e muita malícia
Prá correr atrás da bola e fugir da polícia
Um dia ainda sou notícia

Rit.

Alcune notizie sul brano...

Con successo di pubblico e sfavore della censura, Chico Buarque sviluppò un’intensa attività artistica nel 1972, che includeva la partecipazione come attore ed autore della colonna Sonora nel film “Quando o Carnaval Chegar”, il musical “Calabar” (che non arrivò a calcare le scene), versioni per lo spettacolo “O Homem de La Mancha” ed , infine, uno show con Caetano Veloso, nel teatro Castro Alves, a Salvador de Bahia. Uno dei brani composti per il film era il samba “Partido Alto”, che divenne un successo, nella incisione per la MPB 4. Imitando, con rigore musicologico, questa forma primitiva di samba, creò un testo spiritoso in cui, inframmezzate da un refrain, vengono cantate quattro strofe, dando l’impressione che vengano improvvisate dai partideiros (ossia dai suonatori di partido). E senza mancanza di humor, ne approfitta per lanciare più di una frecciate alla dittatura:
Dio mi ha dato mani di velluto per fare carezze/Dio mi ha dato molta nostalgia e molta indolenza /Dio mi ha dato gambe lunghe e molta malizia/Per correre dietro ad un pallone e fuggire dalla polizia/un giorno avrò sue notizie…
Come era facile prevedere, il censore considerò questo samba “un’offesa al popolo brasiliano” ed acconsentì alla sua pubblicazione solo dopo aver posto il veto su alcune parole quali “titica” (“Como é que pôs no mundo essa pouca titica”, che divenne “pobre coisica”) e “brasileiro” (“Na barriga da miséria nasciu brasileiro”, sostituito da “batuqueiro”). “Partido Alto” ha una versione francese dal curioso titolo di “Qui Ces't Lui-lá
Fonte: 85 anos de Música Brasileira Vol. 2, 1ª ed, 1997, Editore 34

Curiosità:

Come tanti brani della grande MPB, anche questo è stato realizzato anche in versione italiana col testo di Giorgio Calabrese ed incisa nel 1974 (Mercury) da Suan (al secolo Annamaria Baratta, 1/10/1950 – 5/12/1996), col titolo Canto di ringraziamento.

Dice che si vedrà,
Dio provvederà
chi lo mette in dubbio nega
è un discorso che non fa una piega
cambierà cambierà
dice che si vedrà,
Dio provvederà

e aspettando che succeda
Dio provvederà
chi fa i danni non è mai chi paga
si vedrà si vedrà

Gente allegra il Ciel l'aiuta
e non mi meraviglia
se il buon Dio che vede tutto
giudica e non sbaglia
visto che io sono una
che non se la piglia
e la voglia di cantare
mi ha tenuto a balia...
....mi ha fatto nascere in Italia!

Dice che si vedrà
Dio provvederà
chi lo mette in dubbio nega
è un discorso che non fa una piega
si vedrà si vedrà

A promettere e parlare
sono buoni in tanti
ma la gente sta facendo
orecchie da mercanti
dopo tante fregature
quando mai l'incanti
questo popolo di eroi, navigatori e santi
.....e buonanotte a tutti quanti!

Dice che si vedrà
Dio provvederà
chi lo mette in dubbio nega
è un discorso che non fa una piega
si vedrà si vedrà

Dio mi ha dato un viso dolce
un velo di malizia
molta voglia di giocare
un tocco di pigrizia
e mi ha dato buone gambe
e un soffio di furbizia
per rincorrere chi mi va e sfuggire all'ingiustizia
.......e un giorno anch'io farò notizia!

Dice che si vedrà
Dio provvederà
chi lo mette in dubbio nega
è un discorso che non fa una piega
si vedrà si vedrà

Dio mi ha dato idee precise
un corpo niente male
se si arrende per amore
è cosa naturale
sarò buona con me stessa
ma non immorale
se lo giudico un peccato
tutt'al più veniale
......sono una misera mortale!

Dice che si vedrà
Dio provvederà
chi lo mette in dubbio nega
è un discorso che non fa una piega
si vedrà si vedrà

La canzone viene presentata prima nella trasmissione radiofonica condotta dalla stessa Suan e Gianfranco Funari e poi nella puntata natalizia di Alle sette della sera con Christian De Sica, Ingrid Schoeller ed Annamaria Rizzoli e nella settimana successiva, la gente comincia a richiederlo nei negozi.
Le prime cinquemila copie vanno via in un attimo, poi accade l'imprevisto.
La Mercury (casa discografica del gruppo Phonogram) appena vede che il disco comincia a tirare realizza improvvisamente che il brano era stato depositato sotto le edizioni Senna Music di proprietà della produttrice francese Cristine Leroux, che ne aveva acquisito i diritti per l'Italia, mentre l'accordo era che sarebbe dovuto uscire sotto altre edizioni, di proprietà del gruppo Phonogram. Nel frattempo, Christine stampa delle copie con l'etichetta Senna Music, che stava nascendo proprio in quei giorni.
Blocco immediato delle presse della Phonogram e distribuzione interrotta e causa alla produttrice. Peccato perchè il progetto meritava migliore sorte.
Anche perchè era già pronto il 33 giri con brani scritti da Armando Trovajoli, Pino Presti, Sergio Bardotti, Giorgio Calabrese etc.
Molte le cover di pezzi brasiliani di cui rimangono i master.
La canzone venne comunque utilizzata come sigla di un programma radiofonico dell'estate 1975, Alphabete, andato in onda fino alla fine dell'anno e presentato da Suan.
Canto di ringraziamento piaceva molto anche a Mina (buona amica della Baratta) e nel 1990, con un altro testo (sempre scritto da Giorgio Calabrese) ed un'altra cadenza ritmica, la intepretò nell'album Ti conosco mascherina. Il titolo è Ma chi è cosa fa.


La copertina dell'album "Terra" in cui compare"Brejo da Cruz"

Biografia di
Chico Buarque


Conosciuto principalmente come compositore e cantante di musica popolare, Chico Buarque ha seguito con successo la strada della drammaturgia ed ha fatto anche incursioni nella letteratura romanzesca. Una delle caratteristiche più marcate della sua opera come scrittore è la verosimiglianza con cui tratta l’immaginario femminile. Francisco Buarque de Holanda, figlio dello storico Sérgio Buarque de Holanda, nacque a Rio de Janeiro il 19 Giugno del 1944. Completò gli studi universitari all’inizio degli anni ‘60, e fece parte del movimento popolare e studentesco che precedette il golpe militare del 1964. Le sue prime canzoni, come “Pedro pedreiro”, impregnate di preoccupazioni sociali, furono seguite da composizioni più liriche come “Olê, olá”, “Carolina” e “A banda”, quest’ultima vincitrice del II Festival della Musica Popolare Brasiliana (São Paulo, 1966). A seguito dell’atto instituzionale nº 5, nel Dicembre del 1968, la musica popolare brasiliana si è polarizzata intorno a due nomi e stili: Caetano Veloso, avanguardista e leader del tropicalismo, e Chico Buarque, che frequentemente si riferiva alla musica degli anni ‘30, specialmente a quella di Noel Rosa. Entrambi furono vittime della censura del regime, che vietava loro gran parte delle composizioni, ed andarono in esilio in Europa. Con Vinícius de Morais e Toquinho, Chico compose o “Samba de Orly”, la sua canzone dell’esilio. Per il teatro, Chico Buarque ha composto la musica di parte di “Morte e vida severina”, di João Cabral de Melo Neto, e di “Romanceiro da Inconfidência”, di Cecília Meireles. Ha scritto, con alcuni compagni, testi e musica di “Roda viva” (1967), “Calabra” (1973), “Gota d'água” (1975) e “Ópera do malandro” (1979). Ha pubblicato e messo in scena testi per bambini ed ha scritto la novella “Fazenda modelo” (1974) ed il romanzo “Estorvo” (1991).

La copertina dell'album "Caetano e Chico - Juntos e ao vivo" in cui compare "Partido Alto "
La copertina dell'album "Terra" in cui compare"Brejo da Cruz" La locandina del film "Quando o carnaval chegar" in cui "Partido Alto" è parte della colonna sonora

La copertina dell'album Live "Chico Buarque ao vivo em Paris" in cui compare una splendida versione veloce di
"
Partido Alto"

Altra versione:
Cássia Eller- Acústico MTV